LIBERATI DALLA SOFFERENZA IN UN SEMPLICE PASSO

MANTRA OM MANI PADME HUM IL MANTRA DELLA LIBERAZIONE

Ciao Anima in Viaggio,
mi chiamo Elisa, sono un’operatrice olistica da circa 4 anni e oggi voglio farti un bellissimo regalo! Un mantra davvero meraviglioso ” OM MANI PADME HUM”. Prima di spiegarti di cosa si tratta ti invito a far parte del mio gruppo Facebook ” cammino spirituale”: https://www.facebook.com/groups/camminospirituale

Il Mantra OM MANI PADME HUM

viene recitato per ottenere la liberazione, quindi la pace e la libertà dalle
sofferenze, e si dice che sia così potente che anche un animale sentendolo otterrà una rinascita umana e quindi la possibilità di conoscere il dharma e raggiungere l’illuminazione. Il mantra non ha
un significato letterale come frase compiuta, bensì hanno significato le sei sillabe che lo compongono.
Om è composta da tre lettere: A, U e M. Queste simbolizzano il corpo, la parola e la mente impuri del praticante all’inizio del suo sentiero verso la liberazione. Alla fine del sentiero, simbolizzano il corpo, la parola e la mente puri di un Buddha.
Quindi, al tempo stesso, Om indica la possibilità che vi sia una trasformazione dall’impurità alla purezza: il sentiero della liberazione.
Mani, due sillabe, significa “gioiello”, simbolizza la bodhicitta, cioè l’intenzione altruista di raggiungere l’illuminazione per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.
Padme, due sillabe, significa “loto”, simbolizza la saggezza, la conoscenza. La comprensione dell’impermanenza, della vacuità, dell’interdipendenza, la conoscenza che recide ogni illusione e offuscamento. Mani Padme è anche l’epiteto di Avallokitesvara.
Hum chiude il mantra nella perfezione, come pure anche molti mantra, e significa ” concedi” la mente onniscente e le realizzazioni, e simbolizza l’indivisibilità di metodo e conoscenza, di compassione e saggezza.
Le sei sillabe del mantra significano che con la pratica di un sentiero che sia l’unione di metodo e saggezza è possibile trasformare corpo, parola e mente impuri nel corpo, nella parola e nella mente
puri di un Buddha. La Buddhità, la natura del Buddha, è all’interno di ciascuno di noi così come è all’interno del mantra Om Mani Padme Hum.
La frase intera ha anche il significato di : ” O gioiello sul fior di loto, concedimi tutte le realizzazioni” oppure ” Concedimi l’ispirazione per ottenere l’unione di metodo e saggezza”.
Il mantra può assumere altri significati in contesti diversi. Ad esempio, recitato durante il bardo, cioè durante la fase successiva alla morte e precedente alla reincarnazione, è lo strumento per evitare di ricadere nel ciclo di rinascite del samsara: “Om” chiude la porta della rinascita fra gli dei, “Ma” quella fra le Asura, divinità gelose, “ni” quella fra gli uomini, “Pad” quella fra gli animali, “me” quello fra i preta ( spiriti trapassati) , spiriti insaziabili, e “Hum” quella negli inferi.
L’insegnamento spiega che ciascuna delle sei sillabe del Mantra – OM MA NI PAD ME HUM – ha un effetto specifico e potente nel determinare la trasformazione dei vari livelli del nostro essere. Le sei sillabe purificano completamente le sei emozioni negative che sono manifestazioni dell’ignoranza e che inducono a comportamenti negativi nei confronti del nostro corpo, in modo orale e mentale, creando così il Samsara (ciclo delle rinascite) e la nostra sofferenza. Orgoglio,
gelosia, desiderio, ignoranza, cupidigia e rabbia sono trasformati con il Mantra nella loro vera natura; la saggezza delle sei famiglie di Buddha si manifesta nella mente illuminata.
Così quando recitiamo l’ OM MA NI PAD ME HUM le sei emozioni negative che sono la causa dei sei regni del Samsara, sono purificate. Le sei sillabe impediscono la rinascita in ognuno dei sei regni
e attenuano la sofferenza inerente ad ogni regno. Allo stesso tempo recitando l’ OM MANI PADME HUM si purificano completamente i complessi dell’ego e si perfezionano i sei generi di azioni trascendentali del cuore e della mente illuminata: generosità, armonia, comportamento, resistenza, entusiasmo, concentrazione/comprensione. OM MANI PADME HUM è detto anche “enorme protezione dagli influssi negativi e dalle varie forme di malattia”. In tibetano è pronunciato OM MA NI PAD ME HUNG. Comprende la compassione e la benedizione di tutti i Buddha e Bodhisattva ed invoca particolarmente la benedizione di Avaloketeshvara, il Buddha della Compassione.
Avaloketeshvara è una manifestazione del Buddha nel Sambhogakaya ed il suo Mantra è considerato l’essenza del Buddha della Compassione per tutti gli esseri. Se Padmasambhava è il Maestro più importante per i tibetani è anche vero che Avaloketeshvara è il loro Buddha più
importante ed è la divinità protettrice del Karma del Tibet. C’è un detto famoso: il Buddha della Compassione è talmente presente nella mentalità tibetana che ogni bambino in grado di pronunciare
la parola “mamma” può anche recitare l’ OM MANI PADME HUNG.
Anche la sola recitazione saltuaria del mantra può aiutarci ad essere più tranquilli e di cuore aperto, perchè Avalokitesvara e il suo mantra sono la manifestazione della compassione. Le persone anziane in Tibet erano solite recitare questo mantra alla fine della loro giornata e di solito si proponevano di recitarlo sei miliardi di volte prima di morire. Quando arrivavano al miliardo di mantra, ad alcune persone spuntavano nuovi denti che chiamavano appunto i denti del miliardo. IL potere dei mantra non è tangibile, è come l’elettricità: possiamo osservarne la realtà solo nei suoi effetti.
Il mantra scritto più volte su strisce di carta è introdotto nelle cavità di “ruote”, o mulini di preghiera (Manichorkor), che sono girati a mano o dall’acqua. Le ruote di preghiera sono usate dai tibetani per
purificare se stessi, ed il mondo, dal karma negativo accumulato, in base alla convinzione che il mettere in movimento il mantra scritto produce gli stessi benefici effetti del pronunciarlo.

( Fonte: http://www.buddhismoinfriuli.it/documenti/cenresi%20x.pdf

Puoi ascoltare il mantra OM MANI PADME HUM qui:

https://www.youtube.com/watch?v=zVty9rD4X-o

Un commento su “LIBERATI DALLA SOFFERENZA IN UN SEMPLICE PASSO”

  1. La Buddita’ intrinseca in ogni uno di noi viene risvegliata con NAM MYOHO RENGE KYO e questo il nome della nostra buddita la risvegli appena pronunci questo mandala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *