Pubblicato il

FIAMMA GEMELLA MATRICE : MATRIX

 

CHE PROCESSO COMPIE LA FIAMMA GEMELLA MATRICE QUANDO ESCE DALLA MATRIX?

Platone, alla fine del Libro VI di “La Repubblica” sostiene che tutti gli uomini possono passare dalla conoscenza che deriva dall’esperienza dei nostri sensi ai principi piu’ alti della scienza. Ovvero , ogni essere umano, partendo dalla conoscenza erronea del mondo puo’ raggiungere la verita’.
Lo schema platonico si divide in quattro gradi di conoscenza. La distanza tra di essi si riduce nel momento in cui si fanno dei progressi.
Il primo grado e’ caratterizzato dalla Pistis: Platone chiama credenza la conoscenza sensibile. Siccome gli uomini ignorano la ragione per cui costruiscono la loro realta’ attraverso i sensi, sono convinti che tali percezioni rappresentano la realta’ ( gli uomini della caverna percepiscono le ombre e quindi sono convinti che esse siano la realta’).
Il secondo grado e’ Eikasia: l’immaginazione non e’ meno certa della credenza sensibile
(ovvero quella che percepiamo attraverso i sensi). La fantasia dona nuove forme che si riconfigurano tramite le percezioni. Queste ultime, a causa dell’immaginazione, vengono deformate o esagerate. I ricordi divengono selettivi e, a volte, incorretti.
Questo e’ il momento in cui gli uomini della caverna ( la Fiamma Matrice) si liberano e riescono a vedere, quindi, conoscono gli oggetti della realta’, ma solo in base ai loro sensi.
Il terzo stadio e’ chiamato da Platone Dianoia: esso rappresenta la conoscenza ipotetica, che puo’ essere o non essere come la pensiamo. Le ipotesi costituiscono il processo matematico che il filosofo greco attribuisce al metodo deduttivo.[1]
In questa fase da una cosa particolare si giunge per astrazione alla verità, come in un problema di geometria si parte dalla figura, che non è però che una rappresentazione particolare di un caso più generale, che viene sfruttato come ausilio. Quando gli occhi dell’uomo si sono abituati alla luce, può vedere le cose in sé, non mediate più da niente. Questa è la noesis.[2] Ovvero l’uscita dalla Matrix.

 

[1] A.Juan, G.Gonzalez “ Platon: Bachillerato”, ed. Editex

[2]http://www.liceorescigno.gov.it/progetti/as0001/Filosofia/storiadellafilosofia/platone.htm#conoscenza
( Testo di Elisa Silvia Coda, coperto da coyright, condivisibile solo citando la fonte per completo e senza alcuna variazione )

Per parlare con me, scrivermi una mail per prendere un appuntamento: elisasilviacoda@libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *