Pubblicato il

STATI SCIAMANICI DI COSCIENZA ( PARTE UNO)

 

 

 

Introduzione
“Stati sciamanici della coscienza” è più di una semplice etichetta per descrivere i mutevoli stati di coscienza che lo sciamano sperimenta mentre viaggia nel suo viaggio verso, attraverso e dal Mondo degli Spiriti. È anche la coscienza che risiede dentro lo sciamano in ogni momento. È anche una parte della più grande coscienza a cui siamo tutti collegati in ogni momento. Uno dei grandi e meravigliosi misteri della vita è che condividiamo tutti la stessa consapevolezza, e ognuno di noi lo manifesta in modo così diverso. La via dello sciamano non è che un modo per avvicinarsi coscientemente alla consapevolezza di quella coscienza.

Prepararsi per il viaggio
La seduta sciamanica, come io e molti altri abbiamo sperimentato, ha fondamentalmente tre fasi: la preparazione, il viaggio e il ritorno. Già dai primi passi della preparazione, lo stato di coscienza dello sciamano inizia a cambiare, mentre la consapevolezza dell’intimità degli Spiriti si espande. Uso la parola “espandi” perché, per me, è come mi sento, come se ci fosse di più nel mio petto, nel mio corpo, di quanto ci sia spazio, e tuttavia, allo stesso tempo, c’è abbastanza spazio . È in questa coscienza sempre più profonda che l’aspirante viaggiatore degli spiriti formula esattamente il motivo per cui sta andando nell’altro mondo. Qual è la commissione, la missione, qual è la ragione per contattare gli Spiriti? Anche se la mia coscienza di realtà ordinaria ha solo iniziato a cambiare, questo cambiamento è abbastanza per me per ripulire gran parte del lavoro quotidiano che altrimenti potrebbe ingombrare la mia visione, riducendo la mia concentrazione per la missione a portata di mano.

Accendere il fuoco sacro, allestire l’altare e lavare gli oggetti sacri in fumo fanno tutti parte della preparazione, ma quello che sta succedendo è che sto diventando sempre più consapevole degli Spiriti e che la loro vicinanza diventa più e più tangibile, così fa la mia missione, sia che chieda aiuto per gli altri, sia per me stesso. È mia esperienza che dovrei essere il più chiaro possibile nelle mie intenzioni: senza chiarezza di intenzione, si può facilmente tornare da un viaggio sapendo che qualcosa è successo, ma non sapendo cosa fosse, come Alice ha vissuto con le sue avventure nel Paese delle Meraviglie. Questo è anche ciò che può accadere quando l’obiettivo è semplicemente sperimentare l’estasi dello sciamano,

Tuttavia, ci sono alcuni aspetti interessanti e apparentemente paradossali a questo. Per esempio, a volte quando arrivo ai miei spiriti aiutanti e dico loro perché sono venuto, la missione che esce dalla mia bocca non è necessariamente la stessa che ho formulato così attentamente prima di lasciare il mio corpo. Le ragioni di ciò sono principalmente il fatto che quando formulo la missione, anche se la mia coscienza ha già iniziato a cambiare, sono ancora in stretto contatto e influenzato dai miei desideri personali riguardanti la mia vita, le mie speranze, le mie paure , o, se sto lavorando per qualcun altro, le circostanze della vita di quella persona che è venuta da me per chiedere aiuto. Tuttavia, quando varco la soglia nel mondo degli spiriti, c’è un cambiamento, e per ogni soglia che incrocio dopo che ci sono ulteriori cambiamenti. Più mi allontano dalla mia realtà ordinaria e più mi allontano dal mio io-ego. Il risultato è che quando finalmente raggiungo i miei insegnanti e aiutanti nel mondo degli spiriti per porre la mia domanda, la mia visione originale e banale della situazione è cambiata in una prospettiva più universale, e mi viene mostrato ciò che ho bisogno di vedere invece di cosa Pensavo di volerlo sapere.

Capita spesso che la missione con cui inizio sia molto appropriata, ma anche così, la risposta degli Spiriti può essere molto sorprendente, come una volta ho sperimentato in una cerimonia di guarigione. La malattia può accadere quando ciò che sembra essere separazione o blocco, entra nel flusso della vita. Lo sciamano lavora insieme ai suoi spiriti per rimuovere quei blocchi. In questo caso particolare, stavo lavorando con una donna che aveva sofferto di colite e trattata senza successo in medicina, per due anni. Facendo il lavoro diagnostico ho potuto vedere che c’era un enorme pitone arrotolato nell’intestino inferiore. Il pitone mi disse che era l’aiutante spirituale della donna, e che aveva cercato invano di attirare la sua attenzione per qualche tempo. Mi è stato detto dal mio insegnante di rimuovere il pitone e metterlo in una pietra speciale che avevo, e poi dare la pietra alla donna. Questo l’ho fatto. In tal modo la donna non solo divenne consapevole del pitone e delle sue intenzioni benevole, ma poté anche comunicare direttamente con essa tenendo la pietra in mano. Mentre rimuovevo il pitone dal suo intestino, mi diceva che voleva che la donna cercasse e venisse in contatto con il proprio percorso spirituale. Ho consegnato questo messaggio a lei. Al momento del lavoro, non avevo alcuna conoscenza personale della donna. Dopo la guarigione, mi ha detto che i suoi genitori erano originari dell’India. Era stata allevata indù, ma non aveva una pratica religiosa o spirituale seria, ed era in effetti uno psicologo che lavorava nel reparto psichiatrico di un ospedale in una città industriale. Due mesi dopo ricevetti una lettera da lei, che mi diceva che dal momento della cerimonia di guarigione non aveva avuto assolutamente alcun sintomo della malattia. Ha anche scritto che durante le sue vacanze aveva visitato uno zio che era un guru. Suo zio le ha dato lo stesso messaggio del pitone per cercare il suo percorso spirituale.

Gli spiriti
A questo punto, è giusto che guardiamo gli “Spiriti”, specialmente mentre stiamo esaminando qualcosa di così sconosciuto come la coscienza, il Grande Mistero. In passato ho spesso descritto gli “spiriti” come fasci di energia / potenza dell’Universo che si presentano a noi in modi che possiamo comprendere (se siamo così inclini). A questo, vorrei aggiungere il commento di Richard Noll secondo cui gli Spiriti “possono essere pensati come correnti aliene-aliene che avanzano dall’ombra del” non Io “per introdurre nuove informazioni all’individuo che non può accedere a queste informazioni mentre sono in uno stato ordinario della coscienza di veglia (1987: 48-49). ” Gli spiriti sono certamente agenti di cambiamento, come molti di noi vengono a scoprire prima o poi, e il cambiamento che subisce lo sciamano all’inizio è certamente una testimonianza di ciò. Ma, cosa più importante, gli spiriti sono gli agenti del cambiamento che rendono possibile lo sciamanesimo: niente spiriti, niente sciamanesimo. Sento che è particolarmente importante ricordare questo in questa “nuova” era l’epoca in cui così tanti avrebbero cercato di rendere socialmente accettabile lo sciamanesimo, trasformandolo in un’altra forma di psicoterapia. Certo, è una forma di psicoterapia, la forma più antica che esiste, ma quella è solo la superficie. Sotto la superficie c’è la disciplina e la pratica spirituale che provengono dagli insegnamenti degli Spiriti e il cambiamento che lo sciamano subisce all’iniziazione è certamente una testimonianza di ciò.
Articolo di Jonathan Horwitz

Per oggi anime in viaggio mi fermo qui, domani la seconda parte dell’articolo
Fonte: http://www.shamanism.dk/shamanicconsciousness.htm
Traduzione dall’Inglese di Elisa Silvia Coda

Se vuoi saperne si piu' sul percorso sciamanico, scrivimi per informazioni: elisasilviacoda@libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *